News

MARINA ABRAMOVIĆ | In mostra le storiche performance di Marina Abramović al museo Stedelijk

MARINA ABRAMOVIĆ | In mostra le storiche performance di Marina Abramović al museo Stedelijk

Un rapporto di lunga data quello tra lo Stedelijk e la Abramović: la mostra, curata in stretta collaborazione con l’artista e la Royal Academy di Londra, presenta, infatti, registrazioni di azioni leggendarie, fotografie, video, sculture e rievocazioni dal vivo di quattro iconiche performance eseguite per la prima volta nei Paesi Bassi: Art Must Be Beautiful, Artist Must Be Beautiful (1975), Imponderabilia (lavoro con Ulay) (1977), Luminosity (1997) e The House with the Ocean View (2002). Inoltre, i visitatori potranno partecipare in prima persona a due opere: Work Relation (opera con Ulay) (1978) e Counting the Rice secondo il Metodo Abramović. La personale promette di essere la più completa sull’artista, con oltre 60 opere che presentano lo sviluppo della pluripremiata pioniera della performance, il cui primo lavoro risale proprio a 50 anni fa.

  • Museo Stedelijk
  • Museumplein 10, 1071 DJ Amsterdam, Paesi Bassi
  • 16 marzo – 14 maggio 2024
UGO MULAS | Ugo Mulas / I graffiti di Saul Steinberg a Milano

UGO MULAS | Ugo Mulas / I graffiti di Saul Steinberg a Milano

La mostra Ugo Mulas / I graffiti di Saul Steinberg a Milano, a cura di Archivio Ugo Mulas e Walter Guadagnini, sarà nella Project Room di CAMERA a partire dal 14 febbraio al 14 aprile 2024 e racconta quella vicenda, riproponendo in scala l’intera decorazione a partire dalle fotografie di Mulas. Una selezione di una quindicina di fotografie – alcune vintage altre stampate per questa occasione – permettono di entrare in profondità nel lavoro di questi due grandi rappresentanti dell’arte del XX secolo, di apprezzare la fantasia iconografica steinberghiana e la lucidità poetica dell’occhio di Mulas. Nel 1961 Saul Steinberg realizza una straordinaria decorazione a graffito dell’atrio della Palazzina Mayer a Milano, su commissione dello Studio BBPR che ne seguiva la ristrutturazione. Un lavoro importante, che seguiva altre analoghe imprese compiute dal grande disegnatore e illustratore negli Stati Uniti nel corso del decennio precedente. A lavoro compiuto, Steinberg chiede a un giovane Ugo Mulas  di testimoniare l’opera, nella sua interezza e nei particolari. Per aiutare il fotografo nel suo lavoro, l’artista redige anche un breve testo che spiega l’iconografia e il senso del suo lavoro, una riflessione sul labirinto a partire dalla Galleria Vittorio Emanuele di Milano, città nella quale Steinberg aveva vissuto prima della guerra. Nel 1997 la palazzina sarà nuovamente ristrutturata, e i graffiti distrutti: oggi, di quello splendido intervento rimangono solo le fotografie di Ugo Mulas, capaci di restituire insieme il documento dell’opera e la sua interpretazione.

  • Camera-Centro Italiano per ala Fotografia
  • Via delle Rosine, 18, 10123 Torino TO
  • 14 febbraio – 14 aprile 2024
JOSEPH KOSUTH | Eight Years: Joseph Kosuth in Ghent from 1990 to 1998

JOSEPH KOSUTH | Eight Years: Joseph Kosuth in Ghent from 1990 to 1998

Dal 15 marzo al 20 aprile l'Università di Gand presenta Eight Years: Joseph Kosuth in Ghent from 1990 to 1998. Si tratta di una mostra trasversale di informazioni sulla presenza di un artista americano in una città belga: consiste in una cronologia spaziale in cui sono inseriti testi, opere d'arte, documenti d'archivio e libri, incentrati sul rapporto tra un artista internazionale e una comunità artistica locale, con accenni alla reciprocità tra lavoro, collaborazione, famiglia e casa, a cura di Gertjan Oskar e Wouter Davidts La mostra Eight Years:Joseph Kosuth in Ghent from 1990 to 1998 presenta tracce della presenza e delle attività di Kosuth a Gand prima, durante e dopo il suo soggiorno. Utilizzando un'ampia selezione di documenti storici, fotografie, stampa, pubblicazioni, libri, opere d'arte e lettere provenienti da archivi privati e istituzionali, la mostra fa luce sul campo di forza tra il mondo dell'arte internazionale e una specifica località, da un lato, e la vita privata e il lavoro pubblico di un artista, dall'altro. La mostra dimostra che una pratica artistica contemporanea si sviluppa sempre in una complessa rete di contatti internazionali e di attori locali, ma coinvolge anche una dinamica sociale tra artista e partner, famiglia, colleghi e amici. Parallelamente alla mostra, Joseph Kosuth ha realizzato Billabord per 019 e Artlead nel porto di Gand. Billboard Series #30 (05/10/2023 – 18/02/2024) Joseph Kosuth, Misfortune | Happiness, 2023

  • VANDENHOVE
  • Rozier 1, 9000 Gent
  • 15 febbraio – 20 aprile 2024

Mostre Attuali